La selva del Sulcis: allarme per il paesaggio forestale sardo?

 

4112962434 cf1f8de765 b

Sembra che distruggano le foreste della Sardegna per la scelta di attuare il taglio del bosco secondo le regole della gestione a ceduo su alcune centinaia di ettari nel Sulcis. Giudicando la qualità delle notizie pubblicate sul Corriere della Sera, pare opportuna qualche precisazione. Intanto  rassicuriamo chi pensa che i boschi della Sardegna siano in pericolo.  La Sardegna  aveva nel 1947 una estensione forestale totale di 293.000 ettari , oggi siamo a più di  un milione e duecento mila ettari. L’estensione è quadruplicata,  e  questo è avvenuto per l’abbandono soprattutto della pastorizia  e dell’agricoltura, in sintesi,  per il degradarsi di quelle attività economiche a cui si deve parte dello stato di declino economico dell’Isola. E' importante segnalare inoltre che l'oggetto del contendere è un bosco ceduo invecchiato, e non un bosco preistorico. Vale poi la pena ricordare che dal tempo di Cartagine i boschi “naturali” della Sardegna sono stati modificati con il fuoco  per sviluppare soprattutto la pastorizia,  anche se nel corso della storia sono stati frequenti e massicci i tagli per la produzione soprattutto di legna da fuoco per il  riscaldamento.   Con l’applicazione ripetuta del fuoco e del pascolo -  il primo è necessario al mantenimento del secondo  -  si è sviluppato un paesaggio forestale unico, caratterizzato da arbusteti bassi tipici della macchia mediterranea. Si tratta di formazioni non di origine naturale evidentemente, che oggi ricoprono circa 520.000 ettari, secondo l’inventario forestale nazionale.   Sono boschi quindi frutto dell’opera dell’uomo e funzionali al pascolo,  non all’idea di naturalità che gli si vorrebbe applicare. Non a caso la Sardegna produce la maggior parte del latte di pecora usato nel nostro paese , anche per formaggi non prodotti in Sardegna, visto che nella penisola i pascoli sono quasi spariti.   Circa il contestato bosco ceduo, il “governo a ceduo”, normale pratica  di gestione forestale, si attua in Italia fino dal periodo romano. Non distrugge il bosco , ma consente di  avere un prodotto legnoso periodico, dato che la pianta tagliata rigenera nuovi  alberi che nascono dalla parte recisa, secondo un processo del tutto naturale. Sembra piuttosto innaturale demonizzare questa  modalità di gestione “attiva” del bosco,  da sempre invisa ad una gran parte del  mondo ambientalista, ma connaturata con la storia del paesaggio italiano. Essa  ha contribuito nel passato, quando era molto più diffusa   e non ostacolata, a rendere quasi autosufficiente il nostro paese dal punto di vista  della legna  da riscaldamento. In Sardegna vengono gestiti  con il taglio a ceduo poco più di 100.000 ettari, quindi non si può certo dire che poche  centinaia di ettari portino a sostanziali modifiche dei caratteri  del paesaggio sardo. 

Agnoletti-1

MAURO AGNOLETTI

Mauro Agnoletti è professore associato presso il Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agricoli Alimentari e Forestali (GESAAF) dell'Università di Firenze. Tiene i corsi di Processi produttivi e pianificazione del paesaggio, Pianificazione dei sistemi agricoli e Forestali, Storia ambientale. E' coordinatore del gruppo di lavoro sul paesaggio presso il Ministero dell'Agricoltura e esperto scientifico del Consiglio d'Europa, FAO, UNESCO, IUFRO, CBD.

 

Facebook Like Button

  Book Series on Environmental History series editor Prof. Mauro Agnoletti editor contact: mauro.agnoletti@unifi.it springer contact:[...]
  Editors in Chief:  Mauro Agnoletti (University of Florence, Italy) Gabriella Corona (National Research Council, Naples,[...]

Prof. Mauro Agnoletti - Università di Firenze - Email: mauro.agnoletti@unifi.it - Website: www.mauroagnoletti.com

Schermata 2014-12-05 alle 10.59.37 Schermata 2014-12-05 alle 11.02.17