Pantelleria in Expo. Giusto per dire che il paesaggio c’è.

 Pantelleria Expo Paesaggi Storici

Si svolge domenica 3 Maggio  un convegno in EXPO  dedicato ai patrimoni UNESCO nel quale si parlerà del paesaggio di Pantelleria. Considerando la situazione, piuttosto  paradossale,  in cui il paesaggio  rurale è relegato al ruolo di comparsa,   piuttosto che essere  uno dei principali elementi  fra quelli proposti  dal “sistema Italia” in EXPO bisogna essere contenti.  Anche perché,  una irripetibile serie di fortuite circostanze,  ha permesso di inserire  Pantelleria  fra i paesaggi esposti nel padiglione ZERO di  EXPO. L’isola è uno dei più straordinari paesaggi storici che l’Italia possiede, già inserito nella lista del Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali storici come  simbolo dalla capacità di integrare produzione , bellezza, capacità di adattamento al clima e  valori sociali. La vite ad alberello di Pantelleria è inoltre inserita nel patrimonio immateriale UNESCO anche se questo “paesaggio di pietra”  avrebbe avuto tutte le carta in regola per candidarsi  anche come paesaggio culturale. Oltre a rappresentare un luogo in cui l’agricoltura ha saputo adattarsi splendidamente alle peculiarità climatiche di questa parte del mediterraneo, Pantelleria è uno dei migliori esempi della stratificazione di culture diverse che in un arco temporale millenario hanno creato un paesaggio unico caratterizzato da elementi quali gli orti panteschi, gli oliveti bassi, i cappereti terrazzati, i vigneti ad alberello,  quasi tutti terrazzati, associando la cultura araba a quella greca e a quella delle popolazioni italiche.

L’eccellenza vitivinicola trova in questa piccola isola una completa realizzazione, dimostrando che  si può produrre vino senza la meccanizzazione spinta usata in tante altre viticolture e non soltanto preservando “anche” il paesaggio, come se questo fosse un effetto collaterale positivo della viticoltura. Piuttosto è il paesaggio prodotto della storia che offre le condizioni per una viticoltura di grande qualità. In Italia i sistemi agricoli a bassa intensità, simbolo e testimonianza di pratiche tradizionali e di cultura , rivestono un’importanza fondamentale per valorizzare le nostre risorse paesaggistiche e le realtà socioeconomiche ad essi associate. E’ interessante osservare come  sempre più spesso esperti di viticultura che per anni hanno relegato questi sistemi agricoli alla marginalità economica e qualitativa,  apprezzino  un modo diverso di fare vino che pone finalmente in primo piano la cultura locale ed il paesaggio, rinunciando ad inseguire modelli tecnici e paesaggistici estranei all’Italia,   che alla fine ci rendono anche meno competitivi, oltre che meno sostenibili.  Allo stesso modo i fautori di una biodiversità da qui l’uomo è stato quasi sempre escluso, si rendono sempre più conto che la diversità bioculturale espressa da paesaggi come quello dell’isola se da un lato è uno dei tanti aspetti  del  tema globale della  biodiversità,  dall’altro rappresenta la migliore  espressione dell’eccellenza che il nostro paese rappresenta a livello mondiale su questo tema. La notizia è che l’agricoltura tradizionale è il  fattore centrale non più marginale o di disturbo al sistema ambientale.

Prof. Mauro Agnoletti - Università di Firenze - Email: mauro.agnoletti@unifi.it - Website: www.mauroagnoletti.com

Schermata 2014-12-05 alle 10.59.37 Schermata 2014-12-05 alle 11.02.17