Buone feste con i paesaggi rurali storici

prosecco-ridotto

Il 4 Dicembre sono stati finalmente nominati i primi tre paesaggi rurali nel registro nazionale dei paesaggi rurali storici e delle pratiche agricole tradizionali. Si tratta del risultato di un lavoro  iniziato nel 2007 è che ha portato prima all’inserimento del paesaggio fra gli obiettivi strategici delle politiche agricole italiane, poi all’istituzione dell’osservatorio nazionale del paesaggio rurale  e quindi al registro. Otto anni possono sembrare tanti, ma se si pensa che mai le politiche agricole si erano  occupate del paesaggio e della difficoltà di fare “digerire” tutto questo ad un ministero e ad un settore, quello dell’agricoltura,  da sempre restio a riconoscere che le attività agricole e forestali producono il paesaggio e di come questo abbia a che fare con l’economia, l’ambiente e la società,  è  sorprendente che  ciò sia avvenuto.  

Due dei tre paesaggi nominati sono  vitivinicoli: le Colline di Valdobbiadene e quelle del Soave. Qual è il messaggio che questi paesaggi offrono, soprattutto all’Italia e poi al resto del mondo? In primo luogo ci dicono che si può produrre vino salvaguardando le pratiche tradizionali, le quali contribuiscono alla qualità del vino. Non è necessario  e non è soprattutto vero che  per coltivare un vigneto  si debbano distruggere i terrazzamenti e i ciglioni, meccanizzando al massimo e  lavorando sulle massime pendenze delle colline procurando erosione. Questo è accaduto in molte zone del paese,  dalle parti di chi scrive è addirittura saltato il piano paesistico regionale   quando qualcuno ha provato a cambiare sistema.  Ci sono molti imprenditori, in tante parti d’Italia, che hanno scelto di mantenere terrazzi e ciglioni  e stanno sul mercato. Valdobbiadene e Soave dimostrano questo.  Il secondo messaggio è che la nostra identità storica, espressa dai tanti paesaggi tradizionali ancora presenti nel nostro paese sono un fattore di competitività quando associati ai prodotti locali. Insomma, per  rovesciare una frase celebre di un ex ministro “con la cultura si mangia” anche in agricoltura. Nel vino poi non si capisce perché dobbiamo continuare ad  inseguire americani e francesi, relegando la qualità alle sole questioni di vitigno e  “terroir”, quando invece è del tutto evidente che la qualità del paesaggio è un fattore fondamentale  anche della qualità del vino. Se i consumatori finalmente capissero come alcune viticolture abbiano  contribuito  al degrado del paesaggio e dell’ambiente valorizzerebbero molto di più  chi ha mantenuto pratiche secolari, magari spendendo di più ma  mantenendo la qualità dei luoghi.  La zona di Soave è stata iscritta nel registro per avere conservato la destinazione viticola delle dolci pendici meridionali dei monti Lessini che si affacciano oggi su una pianura ormai largamente urbanizzata,  mantenendo forme quali la pergola veronese, terrazzamenti,  muri a secco, ma anche molte alberature. Le Colline di Valdobbiadene rappresentano invece il nucleo storico della produzione del prosecco. In quest’area, su pendenze spesso vertiginose, si coltiva su piccoli ciglioni a girapoggio, senza i quali non sarebbe possibile coltivare vino o altro, associate ad aree boscate  ed esempi di edilizia storica.  Dal punto di vista ambientale queste pratiche produttive rappresentano forme di adattamento  ad ambienti difficili e offrono vantaggi anche per l’adattamento al cambiamento del clima, specialmente rispetto ad  eventi pluviometrici intensi.  La loro conservazione è importante per un insieme di ragioni ben rappresentate dai programmi dell’UNESCO, rivolto a conservare  i valori culturali e il più recente programma  FAO  per la conservazione dei sistemi tradizionali,  e dalla Convenzione per la Diversità Biologica che ne riconosce il ruolo per la conservazione della diversità bioculturale. Se poi, in mezzo a catastrofismi di varia natura, vogliamo finire l’anno con un messaggio positivo, allora riflettiamo sul fatto che  su questi argomenti l’Italia è uno dei paesi leader nel mondo.  

soave

Prof. Mauro Agnoletti - Università di Firenze - Email: mauro.agnoletti@unifi.it - Website: www.mauroagnoletti.com

Schermata 2014-12-05 alle 10.59.37 Schermata 2014-12-05 alle 11.02.17