Vinitaly e le nuove viticolture

Vinitaly

Nell’ambito di Vinitaly, l’annuale vetrina della viticoltura italiana che si tiene  a Verona,  si è iniziato a parlare di una nuova viticoltura che si lega strettamente ai paesaggio, in particolare ai paesaggi storici. E’ una viticoltura che conserva particolari  tecniche di allevamento della vite e architettura degli impianti associate a caratteristiche ambientali quasi sempre difficili, quali le aree montane e alto collinari. Oltre alla industrializzazione della viticoltura con la diffusione di estese monocolture che hanno compromesso l’unicità del paesaggio e i suoi valori ambientali, abbiamo in ancora viticolture su piccola scala che utilizzano sistemi tradizionali, quali ad esempio i terrazzamenti o forme quali le pergole in legno sulle quali fare arrampicare le viti.   Si tratta di viticolture molto  spesso marginali, tipiche di aree caratterizzate da un livello di sviluppo medio-basso, ma che hanno molte potenzialità.  L’idea alla base della loro valorizzazione è di proporre un diverso  concetto  di qualità con l’obiettivo di modificare la tendenza degli assaggiatori e del pubblico a valutare il vino, senza comprendere ed associare  ad esso il paesaggio e le tecniche produttive tradizionali. Coltivare la vite  usando la “pergole bassa”,  come si fa in Cinque Terre, produce un vino che è diverso dallo stesso vitigno coltivato  in un altro luogo e  magari utilizzando i filari a spalliera moderni. Valorizzare questi tipi di viticoltura apre un panorama  nuovo sulle relazioni fra storia, cultura e ambiente che  si discosta da modelli che vedono nelle grandi quantità e in parametri esclusivamente legati a vitigni, vinificazione e  suolo, i punti di forza della viticoltura. Riscoprire e salvaguardare il paesaggio  rurale italiano passa anche attraverso un processo che porta alla conservazione della molteplicità delle forme produttive ma anche a una  comprensione da parte del pubblico della differenza fra una qualunque viticoltura e una viticoltura che conserva l’intera gamma di valori associati al nostro paesaggio. 

Prof. Mauro Agnoletti - Università di Firenze - Email: mauro.agnoletti@unifi.it - Website: www.mauroagnoletti.com

Schermata 2014-12-05 alle 10.59.37 Schermata 2014-12-05 alle 11.02.17